Come potrebbe essere usato lo strumento hackathon assieme al tassello degli Open Data per farci diventare maggiormente cittadini nelle città in cui viviamo?

Potrebbe diventare una pratica da far utilizzare anche agli architetti e nella pianificazione urbana?
E quanto è davvero utile creare servizi o applicazioni spesso isolate dal sistema in cui dovrebbero calarsi? C’è davvero un effetto sistemico che crea vantaggi, oppure no?



Il 2016 è stato un anno particolarmente intenso e colmo di esperienze interessanti.

Una delle ultime a cui ho avuto la fortuna di partecipare è stato l’hackathon Milano@work del 16 e 17 dicembre scorsi che si è tenuto in una freddissima Milano.
Ero tra i mentor dei ragazzi che partecipavano all’hackathon, come supporto esterno agli amici dell’associazione OnData (full disclosure: mi hanno chiesto una mano, pur non essendo io socio dell’associazione in realtà).

Prendo spunto da quell’hackathon per aggregare alcune idee sulla necessità di ripensare lo strumento hackathon nel riuso della PSI (Public Sector Information). Forse è il caso di porsi alcune domande. In un certo senso sono temi che avevo già affrontato in passato, ma lateralmente e in maniera più astratta:

Nessuna delle riflessioni qui sopra si era soffermata sullo strumento hackathon in quanto tale, specie perché in quegli anni forse era troppo presto per metterlo in discussione e perché io stesso ne avevo seguiti pochi o nessuno, magari.

Le domande che mi passano per la testa sono quelle inserite in apertura del post e sono ovviamente correlate al percorso che stiamo facendo con l’Open Government in questi anni anche in Italia.

Sono tutte domande aperte: non ho risposte, ma ho solo sensazioni e fatti sparsi, che metto sul piatto.

Vediamo se ha senso questo ragionamento, poco più di un flusso di coscienza. Magari torna utile anche per i civic hackathon che facciamo nella comunità di Spaghetti Open Data, che soffrono assai meno degli hype di altri contenitori visto che sono costruiti sul consenso della comunità.

Continua a leggere

Il 16 novembre sarò a Milano per la tavola rotonda “Data as a commons: i dati come strumento di governance collaborativa delle città“ all’interno di Sharitaly, assieme ad un sacco di amici del mondo Open Data e annessi.

Data as a commons a Sharitaly

Data as a commons a Sharitaly

Panel: Data as a commons: i dati come strumento di governance collaborativa delle città

Gli Open Data rappresentano uno snodo cruciale per mettere in atto i principi dell’Open Government e stimolare modelli collaborativi tra istituzioni e comunità locali, finalizzati non solo al controllo dell’operato della P.A. ma anche allo sviluppo di nuovi servizi e applicazioni che integrino e potenzino quelli già offerti dalle istituzioni pubbliche secondo la logica della co-production. Ma cosa sono concretamente gli Open Data? Quale valore possono generare per la Città? Ne discuteremo insieme durante il panel con alcuni tra i maggiori esperti e attivisti sul tema dell’Open Data in Italia.

Modera: Davide Arcidiacono (Università Cattolica del Sacro Cuore)
Con: Matteo Brunati (Community Manager Spazio Dati e Italian Correspondent per E-PSI Platform), Michele D’Alena (Digital Innovation Advisor), Gianni Dominici (Forum PA), Federico Morando (Nexa-Politecnico di Torino e fondatore di Synapta), Maurizio Napolitano (Digital Commons Lab-Fondazione Bruno Kessler-Trento)

E’ una tavola rotonda dove parleremo di molti temi che mi sono cari: Open Data, smart cities, beni comuni e Open Government. Alcuni li avevo approfonditi in un mio vecchio post di settembre 2012, “Attivare le comunità intelligenti: ovvero ripartire dal senso civico“.

Continua a leggere

The power is where the data isn’t.“: è una questione di potere, come sempre. Questo è il punto di partenza, l’altro è che sono arrabbiato.
Non è possibile che dopo anni di esistenza del movimento Open Data in Italia, ci siano ancora così tante zone oscure. Non ci sono ancora dati disponibili in situazioni che fanno la differenza tra la vita e la morte di noi cittadini.

Ecco perché forse non sono arrivati alla gente questi Open Data: perché tutto sommato ancora non hanno sfiorato nemmeno lontanamente i temi importanti delle nostre vite.

La salute è il mio tassello di partenza.

L’amianto in particolare, non è certo un tema del passato: al Wired Next Fest il 17 settembre, il presidente Renzi ha dichiarato di voler sbloccare le risorse per il piano nazionale amianto:

Prima di ricevere le 70mila firme della petizione di Wired “Addio amianto” su Change.org consegnate da Ferrazza per una legge ad hoc e promettere di lavorare “per il finanziamento al piano nazionale contro l’amianto”

Altro tassello di attenzione: dopo il terremoto di fine agosto nel centro Italia, aiutare la mappatura è ancor più importante, dati i rischi per la salute anche per i soccorritori:

Alla fine ci sono riuscito: sono mesi che devo sistemare gli appunti su Code4Health-amianto. Il tempo è mancato soprattutto per tutto quello dedicato alla partecipazione come rappresentante di SOD al Forum OGP, con il ministro Madia e tutto il resto della società civile.

In un certo senso, l’attenzione dedicata al Forum OGP è stata utile per aumentare la pressione sulla richiesta dei dati ambientali, compreso l’amianto. Ora che parte la fase di attuazione del terzo Action Plan e si riprende a parlare di quali dati serve aprire, è necessario continuare il lavoro iniziato.

Serve collegare alcuni fili rimasti troppo tempo aperti, per capire il contesto e vedere cosa si potrà fare sul difficile tema della mappatura dell’amianto.

Per chi avesse fretta di capire cosa è stato fatto tra maggio e giugno, esiste un repository su GitHub, corredato anche di un wiki esplicativo:

-> Aiutare la mappatura sull’amianto in Italia: code4health amianto su GitHub

Per gli altri, condivido il flusso logico e le scoperte fatte da quando ho iniziato a pensare a questo strano legame: amianto e Open Data si possono parlare?

Continua a leggere

Matteo Brunati

Sono un appassionato di tutto quello che ha relazione con la Rete, specie al confine tra tecnologia e società. Open Data e Linked Data sono nuovi livelli di un bene comune digitale, oggi riusabile come se fosse un Lego.
La società dei dati, anche con l’hype dei Big Data, mi affascina: ma serve maggiore riflessione condivisa.


Community Manager @ SpazioDati, su Dandelion API e Atoka.


Trento