Un post interessante:

-> Il ritorno dei Mac

[…]
Poi vennero Linux e FreeBSD, e gli hackers - che seguono sempre il più potente sistema operativo in circolazione - si ritrovarono a passare ai computer basati su Intel. Se il design era un fattore importante, si poteva comprare un Thinkpad, che magari non era del tutto repellente - a condizione di staccarne gli adesivi “Intel” e “Microsoft”.

Ecco OS/X, e riecco gli hackers.

[…]
“E allora?”, sento chiedere ai rivenditori, a cui magari potrà non interessare se gli hackers vogliono di nuovo Apple. Quanto sarà grande questo mercato per gli hackers, dopotutto? Certo, è alquanto piccolo, ma è importante in proporzione alla sua grandezza.

Quando si tratta di computer, quello che gli hackers fanno oggi, lo faranno tutti entro dieci anni. Tutta la tecnologia, da Unix alle interfacce grafiche e al web, è diventata popolare prima nei dipartimenti di informatica e laboratori di ricerca, e subito dopo si è diffusa gradualmente al resto del mondo.

Assieme ad alcune considerazioni:

  • e’ innegabile che al momento MacOSX sia il piu’ avanzato sistema operativo disponibile, che unisce un cuore UNIX a modalita’ e interfacce d’uso innovative…
  • in effetti mi trovo d’accordo con quanto detto da Paul Graham: nel mio piccolo cercando info su tale sistema e vedendo nella mia facolta’ il diffondersi di tali macchine sono una prova abb forte ( pensavo fosse una moda, ma poi… )
  • tranne pochi casi, sono tutti contenti del loro Mac: parecchi motivi li posso capire.. altri meno
  • e’ probabile che per un informatico sia veramente importante avere accesso ad un sistema evoluto basato su tool open ( che gia’ uno usa ) e avere nello stesso tempo interfaccia e API veloci ed avanzate senza perdite di tempo in configurazioni ( con Linux bisogna metterlo in conto )
  • una delle pecche peggiori di Linux e’ il supporto hardware grafico: per motivi storici e tecnici e’ difficile avere una GUI avanzata e veloce soprattutto con Flash o Java o effetti animati.. e il tempo per configurare il kernel ora mi manca… per i portatili adesso gli *IBook sono il migliore compromesso prezzo/prestazioni.. non parliamo della portabilita’ del 12’ rispetto a portatili normali della stessa fascia di prezzo..
  • ora e’ uscito Tiger: che altro dire? :)

E’ uno dei sistemi che mi manca da provare, e a quanto pare ha le carti in regola per essere uno dei migliori che possa provare… a breve spero…

AGGIORNAMENTO: per quelli che non si fidano, ma vogliono avere una visione d’insieme, ecco un gran bell’articolo di Attivissimo:

-> PC senza Windows? Esiste una Terza Via

Senza mai dimenticare che si puo’ benissimo affiancare Linux: e senza dimenticare di usare formati il piu’ possibile aperti… altrimenti finiamo in un’altra MS…

Anche se per certi versi, la Apple in alcune cose ha capito molto l’importanza dell’apertura…
prendiamo ad esempio l’uso di FTP e DNS automatico per condivere risorse e la rete locale.. altro che NetBios.. ( MS compatibilita’ all’indietro )

Riferimenti:

-> Il Mac risveglia il Tiger che è in lui: il 29 aprile il nuovo MacOS 10.4
-> iBook