Questo e’ un post che avevo iniziato parecchio tempo fa, rimasto come draft almeno un anno per capirci…
E non e’ nemmeno l’unico: ma adesso puo’ davvero tornare utile.

Ho preso l’N800 ( l’avevo gia’ accennato qc post fa ), adesso che ho potuto: lo sto provando da qc giorno in verita’, dopo averlo dovuto flashare, sia per avere anche Skype con l’ultima versione del software, sia perche’ avevo testato le sua capacita’ di elaborazione e l’avevo piantato per bene… [ ci avevo caricato questo file OPML, con il widget desktop del RSS attivo, son matto lo so ]

Molto fa pensare in questi giorni l’uscita del nuovo Ipod Touch, e della diminuzione di prezzo dell’Iphone, nonche’ la presenza in questi mercati che stanno nascendo e crescendo del mondo Nokia ( con la famiglia n770 e n800 in particolare )…
AGGIORNAMENTO: anche Alessandro Longo parla di punti interessanti a favore dell’N800, che condivido in pieno: stamani due chiacchere con l’amico Ivan via skype, davvero notevole e perfetto il microfono integrato, eh gia’ .)

AGGIORNAMENTO2: una gran bella comparativa tra il Touch e l’N800, da non perdere…

Molti pensieri attorno all’usabilita’ di interfacce piccole e sensibili al tocco, e alla portata di tutti…
Ci faro’ un post dedicato, al nuovo modo di interagire con il virtuale, che sto vivendo anche in prima persona adesso…

Qualche pensiero piu’ o meno organizzato in questo post, con passato e futuro uniti e riavvicinati, in un caos equilibrista .)
Giusto per iniziare a dipanare il mio flusso di coscienza, e rendervi partecipi di qc pensiero…

Ecco il post vecchio, originale, giusto per crearci il background da dove erano partiti i miei pensieri…
L’uscita di Origami di Microsoft, e la presenza nel mercato del Nokia 770…
( primo quarto del 2006, a spanne )


Tanto per rendere chiara la mia sensazione fin dall’inizio: tutto l’hype creato attorno a Origami, e’ esagerato e fuori luogo.

Per come e’ stato progettato, attualmente non ha un mercato, a quei prezzi e a quella grandezza.

O meglio: alcuni tecno-entusiasti lo prenderanno, ma nulla piu’.

Perche’ e’ un compromesso tra portatile e PDA, che ancora non ha la tecnologia chiave ( batteria docet ), e ancora meno una killer application…

Vediamo se riesco a spiegarmi, riprendendo le fila di un discorso iniziato tempo fa sul Nokia 770, che a breve prendero’…
-> Nokia e Linux: considerazioni

Chiarito il ruolo che intende coprire un tool tipo il 770, manca ancora la tecnologia per rendere tascabile un portatile, con touch screen e potenza operativa elevata: ma la domanda e’ proprio questa…

Vogliamo un tale dispositivo? Ne abbiamo bisogno?

Per conto mio, il bello del 770 e’ che ad un buon prezzo, puoi avere qualcosa di tascabile, che faccia da ponte dove il portatile non arriva…

Piccole note, lettura di materiale di vario tipo, vero possesso dei dati con linux che fa da garante della cosa…

E’ vero che oggi pero’ il 770 non ha una killer application: o meglio, chi vuole se la puo’ creare, ma e’ ancora presto per il mercato di massa.

Un dispositivo come Origami soffre anche di una visione tecnofila: al centro c’e’ la tecnologia, non l’uomo.

A cosa puo’ servire, se la batteria dura cosi’ poco?

Per non parlare delle killer application…

E del prezzo…

Un 770 puo’ essere la base operativa per altri utilizzi, come questo:
-> PromoGest, utilizzo gestionale e Nokia 770

Cosa dicono gli altri

Compared to Origami, the 770 offers smaller size, lighter weight, and, most likely, longer battery life. But these advantages come at a cost: constrained processor and memory resources – a 200 MHz TI OMAP processor, 64 MB of SDRAM, and 128MB of flash (expandable via RS-MMC) – and a limited set of available application software, in comparison with all that Windows XP has to offer.
On the other hand, by the time Origami comes to market sometime next year (or later), the Nokia Internet Tablet can be expected to have evolved, both in terms of computing resources and available applications.
[ … ]
Instead, we think Nokia has the right idea but the wrong software. In our opinion, a Windows Mobile version of the 770 Internet Tablet – but with more DRAM and flash, and an honest-to-goodness SDIO slot – priced under $400, would be a real winner.

Not that we don’t think the Microsoft Windows XP Origami idea has merit. It’s just that from a Moore’s Law perspective, the necessary economies of scale are still several years off.

Dal sito Windowsfordevices.com ci sono idee non male…

  • viene detto che il Nokia 770 ha maggiori pregi dell’Origami, a parita’ di bisogni
  • viene detto anche che si preferiva una piattaforma Windows, che offre maggiori applicativi
  • il prezzo sotto i 400 dollari, anche per un Origami eventuale

Ok, questo era il post vecchio.
E, tra parentesi, forse avevo ragione: chi ha poi visto e sentito parlare molto di Origami?
Personalmente, non molto.

Ma, alla luce delle ultime novita’ tecnologiche, dell’Iphone e del nuovissimo Iphone Touch, cosa possiamo dire in merito di nuovo, rispetto anche al N800?

Due cose al volo: da una parte c’e’ la frustrazione di sviluppatori capaci come Barbieri, che insiste affinche’ la Nokia non tiri i soldi sull’hardware dei propri dispositivi… E potrei concordare perfettamente.

Dall’altra forse, ci si concentra troppo sugli effetti e sulla tecnologia, piuttosto che sul reale utilizzo del dispositivo.
E qui potrei citare la risoluzione dell’Iphone e dell’Iphone Touch, che e’ molto minore degli 800 pixel minimali per la larghezza dello schermo…
Dalle specifiche tecniche:

480-by-320-pixel resolution at 163 pixels per inch

Per carita’: hanno reso l’azione dello zoom veramente bella e usabile, ma provato per un po’ l’N800, vi assicuro che non ci si accorge che e’ un dispositivo mobile nella navigazione… E su questo concordo anche con Sartoni: il compito principale dell’N800 e’ proprio navigare nel Web, e l’hanno reso davvero notevole, dato che sul mobile bisogna arrivare sempre a compromessi….

Credo sia l’unico device che abbia 800 pixel di larghezza.

il display è di 4,13” rispetto ai 4.3” del 770 quindi con una risoluzione di 800 x 480 pixel.

Dalla recensione di Neo Hardware

Non e’ un aspetto da tenere in secondo piano.

Ma sono mercati e target molto diversi, rispetto a quelli che ha l’Iphone e il nuovo Ipod Touch: questo e’ verissimo pero’.
Per una persona navigata del mondo Linux, che ha idea di cosa sia un repository e un elenco dei pacchetti da installare, non e’ un problema, ed e’ uno strumento per questa nicchia di utenza.

Non certo per altre.

Molto belle e utili le FAQ Pubblicate da Luca Sartoni, in merito alle domande che ha ricevuto…

Aggiugerei che adesso e’ come avere anche una linea telefonica aggiutiva, con Skype sempre attivo: davvero forte come sensazione…
Proprio come ne parlano qui:

I realize now that my N800 and 770 aren’t two new phones. They’re two new phone lines. (Hey, with two children entering precocious years, I might need more than two additional lines.) Low rates, too — $30/year for unlimited calling to regular phones on Skype (eg, $2.50/month) and just 1.9 cents per minute at Gizmo with no minimum monthly.

Could be a very easy way to enable each of us to be able to talk (and wander around the house!) at the same time.

Vediamo come andra’ ad Urbino, e come potro’ integrarci utility per il Semantic Web: thinking in progress .)
Se poi aggiungiamo che sono un Fonero anche, allora emerge un quadro piu’ interessante…

Forse in tutto questo, che stia iniziando la lotta tra Open Hardware e Closed Hardware?
Iphone e Ipod Touch da una parte, N800, Open Moko e Arduino dall’altra…Assieme anche all‘Iliad, per certi versi…

User Generated Content, anche verso il mondo applicativo dei devices che si possiedono…
Per molti, ma non per tutti, of course…

Cmq sia l’N800 e’ un device complementare all’Iliad, del quale faro’ una recensione a puntate, visti i quattro mesi di utilizzo sulle spalle