E’ interessante poter leggere come il problema dell’identita’ digitale anche in Italia stia diventando argomento del giorno…
La consapevolezza sta arrivando, per fortuna.

Totanus ha scritto dei gran bei posts:
-> Riprendere il controllo di sè stessi
-> I’m not evil

Personalmente non sono un radicale, ma sto cercando di trovare un modo personale e che mantenga sotto controllo i dati per quelle applicazioni sensibili che vorrei usare ( feedburner mai usato per modifiche ai feed e tenerli sotto controllo, google feed reader usato poco, mi toglieva controllo reale, gmail e’ l’unica che uso ma che backappo sotto evolution… e via dicendo… )

E il valore del gratis in realta’ e’ direttamente in relazione al valore aggiunto che stiamo creando a quel servizio x che stiamo usando… In profilazione utente non molto consapevole, tra l’altro. Un po’ come le tessere degli ipermercati che ci danno un po’ di sconti durante l’anno, in cambio di tracciare le nostra abitudini di spesa…

Sono d’accordo pero’ con Luca Conti quando parla della dimensione sociale che si andrebbe a perdere: ha ragione.

Comprendo la preoccupazione ma non la soluzione. Alcune piattaforme non sono solo un deposito ma anche una piattaforma di condivisione. Per le foto ad esempio, se le togli da Flickr e chiudi l’account, tenendole solo sul blog, perdi una occasione di condivisione importante.

In ogni piattaforma decidi tu cosa comunicare di te stesso. Perché dici di perdere il controllo? Qual’è l’alternativa? Tenersi tutto sul proprio dominio? Se è aperto ai motori di ricerca, Google dissemina comunque, anche con meno controllo da parte tua, non credi?

Vorrei puntualizzare una cosa: Google dissemina molto, e comunque solo quello che vuole. [ un post al riguardo sui lati oscuri di Google ]

Ma la reale differenza e’ che non hai un punto dove facilmente la tua identita’ possa RICOSTRUIRSI in una forma comprensibile e unitaria: siamo disseminati per il cyberspazio in mille frammenti…
E non e’ per nulla semplice aggregarci in un tutt’uno di nuovo, oggi come oggi.

Il blog forse rapresenta lo strumento principe per ridarci un’unita’, almeno prima del profilo di Facebook, in parte.
Sarebbe giusto l’inverso, pero’.
Se io posso avere nel mio dominio i dati pubblicati e pronti per essere aggregati secondo le mie policy ( verso la Web of Data decentralizzata ), e poi sono i sistemi di community o di alcuni servizi che fanno il polling per aggregare o aggiornare tali dati…

Pensiamo solo al profilo personale: se nei sistemi che andiamo ad usare avessimo una URL al nostro FOAF da inserire piuttosto che la solita form, che automaticamente carichi i dati tradizionali ( e che alla nostra modifica si aggiorni direttamente a partire dal nostro file nel nostro dominio, a raggiera verso tutti i servizi che abbiamo sottoscritto )…
Be’, non sarebbe poi cosi male, no? .) [ per inciso TalkDigger gia’ lo fa in questo momento ]

Si andrebbe a creare una specie di Rete Bittorrent dei dati da aggregare, probabilmente.
Un rapporto piu’ equilibrato tra banda in download e banda in upload nei confronti dei fornitori di servizi Web2.0 e i domini degli utenti.

Un caso personale: stavo pensando di personalizzarmi un tumblr su questo dominio, ma mi sono reso conto che ha piu’ valore dove sta adesso, perche’ distribuisce un mio flusso di coscienza di appunti presi in giro, che e’ una forma veloce ed intima se volete di condivisione, che completa un blog, ma che all’interno della PIATTAFORMA TUMBLR, rende un servizio che non ha un CLONE che aggreghi in stile web of data, appunto.

Le alternative vanno create, ma va creata la domanda per tali alternative.
E la domanda e’ la consapevolezza che sta maturando in seno alla comunita’.

Intanto c’e’ una cosa che serve poter fare in forma piu’ usabile: salvare questo flusso di materiale proveniente dagli RSS di tutti i servizi web2.0 che stiamo usando.
Sto pensando anche a questo.
Ovviamente il tutto in chiave semantica.
A partire dal profilo FOAF personale.

[ proprio l’altro giorno scovavo idee sull’adozione di OpenID a casa di Federico .) ]

[ via alessandr passant ]

Non e’ un caso che sono mesi che nello spare time ci penso, e cerco di venirne a capo.

Partendo da LinkedIn, passando per Facebook, per finire al VERO GRAFO SOCIALE…
-> Stop e leggere: Sir Tim parla del Giant Global Graph - step 1

Il primo passo per parlarne e’ rendersi conto della questione, e qui iniziamo ad esserci: il passo successivo e’ iniziare a provare e testare le possibili soluzioni decentrate…

Su questo mi ci sto mettendo .)

Insomma: di fili da seguire ce ne sono e nel cercare di tessere il nostro arazzo di digital identity, vedremo se non ci perderemo per strada… Anche se coi fili che ci ritroviamo sarebbe dura perdersi .)

Due fili per iniziare:Twine e Knowee ci danno prospettive interessanti…

knowee provato a breve, stay tuned…