You Centric Browsing

You-Centric: The Future of Browsing from Carsonified on Vimeo.

Su segnalazione di Doc Searl nella mailing list dedicata al VRM, intervento inserito in questo evento:
-> Future of Web Apps - London 2009

Perchè è importante? Perchè l’esperienza utente ( tema caro e fondamentale per costruire al meglio il nostro futuro, importante anche per il caro Luca Mascaro ed Alberto Mucignat, tra gli altri ) guiderà una migliore gestione della tecnologia e sarà la VERA KILLER APPLICATION del Semantic Web.
Quello che si vede nel filmato sull’uso di Ubiquity quale interfaccia più vicina al nostro sentire e più gestibile e scalabile al posto della GUI tradizionale ( per azioni non mirate ovviamente ), prevede sul livello tecnologico un uso massiccio delle tecnologie del Semantic Web. Anche tecnologie semantiche invero, ma vabbè. ( son due cose diverse )
Se l’interfaccia semplifica certe azioni che oggi si devono fare a mano con il Web è perchè si ottimizza e si automatizza il dialogo tra siti, tra dati dei siti e dati che sono importanti per noi e che sono nella cloud oggi senza tanti problemi di privacy, mentre un domani potranno essere maggiormente sotto il nostro controllo.
Serve il livello di infrastruttura giusto per gestire tutto questo al meglio, per poter poi concentrarsi sull’esperienza utente. Quel livello è esponenzialmente semplificato ed aumentato con l’uso di tecnologie legate al mondo del Semantic Web. Quello che davvero importa a noi tutti, alla fin fine. La coerenza di un’esperienza ponte, per dirla alla Luca Rosati. Perchè i siti dovranno essere sempre più fonti dati malleabili a seconda del device che li interroga, e del contesto. Sfide incredibili rispetto alla visione attuale del sito medio.

Per parlarne magari a lato Semantic Web tutti assieme, usiamo la relativa discussione nel Gruppo all’interno di WebProfession.it:
-> Discussione sul perchè all’uomo della strada dovrebbe importare il Semantic Web

Ps - dovro’ proprio andare al prossimo UX Conference il 3 dicembre, cavolacci .) Intanto mi son perso l’ UX Camp .(

You Centric… e Power to You .( - inciso polemico

Aggiungo una nota a margine: verso un vero Power to You visto che il You Centric design diviene fondamentale, altro che Vodafone e la sua pubblicità che meriterebbe un’attenta analisi da parte dell’Antitrust, a mio avviso… come le altre. Quanti lo sanno? ( via quintarelli vodafone ne fa di cose strane eh eh ) Visto il casino sul blocco di neutralità del traffico, power to you è proprio uno schiaffo in faccia a noi poveri utenti!

-> Vodafone taglia L’ Internet

Commenta e condividi


Ubiquity for Firefox from Aza Raskin on Vimeo.

Ubiquity is an experimental Firefox extension that gives you a powerful new way to interact with the Web.

You’re used to telling Firefox where you want to go by typing Web addresses into the URL bar:

With Ubiquity installed, you’ll be able to tell Firefox what you want it to do by typing commands into a new Ubiquity input box.

Che vi sembra? .)

Accetto suggerimenti, ma è uno straordinario esempio di ritorno alla semplicità con un potenziale immenso dietro.

Commenta e condividi

Non ho tempo per fare un discorso serio, sono giorni carichi sotto molti punti di vista, anche di voglia di fare ordine in questo blog e non solo…
Nel frattempo lascio una chicca assolutamente imperdibile, con la promessa di uno screencast legato ad un utilizzo reale di alcune delle cose che sto provando.

Qui, in ogni caso, c’e’ un potenziale immenso, che cerchero’ di trasmettere…

Intanto
-> DriftR Linked Data Browser and Editor (Screencast)

The latest module is an in-browser RDF viewer and editor for Linked Data, heavily inspired by the freebase UI (hopefully with less screen flickering, though).

DriftR Screencast

Se poi aggiungiamo questo:
-> ARC Data Wiki Plugin

The Data Wiki plugin doesn’t require a database (unlike the other SPARQL components in ARC) and supports update calls sent by RDF editors such as the Tabulator.

Un wiki sul Web of Data, per ora gestibile via Tabulator, che e’ la prima, grezza ma potente realizzazione del Web of Data in forma di lettura e scrittura!!!

Un po’ come i blog e i wiki hanno portato alla massa l’idea di un collaboration information space da visualizzare ed editare liberamente ( questo E’ IL WEB ), oggi abbiamo i primi passi della stessa metodologia applicata sul Web of Data pero’ !!!

Non sto nella pelle, a dire la verita’…

A brevissimo, un’applicazione di queste cose sul campo, stay tuned .)

Non so chi stia leggendo queste righe, ma io ho avuto i brividi nel vedere queste cose

Consigliabile, per capire il contesto, prima che dedichi un post chiaro edotato di esempi a sostegno, questo paper del caro Tim Berners Lee:

-> Tabulator Redux: Writing Into the Semantic Web

Solo questo merita tantissima attenzione, e una profonda rilettura!!
Qualche citazione, tra cui:

The Tabulator was originally written as a linked data browser, programming. designed to provide the ability to navigate the web of linked things without any domain-specific programing by the user or the information provider. It has the inherent knowledge of a few common global concepts such as time and geographical location to give it the power of typical Web 2.0 applications such as on- the-fly mapping and/or calendar mashups in those dimensions. Using the Tabulator, anyone putting up, for example, a personal FOAF [6] file, can see their own information on the screen, and follow links from it to the FOAF descriptions of their friends, not to mention their publications and projects. They become part of an open social network.

Concetti chiave che avevo anticipato alcuni giorni fa attraverso il tumblr
E stranamente si torna a citare il lifestream, e l’ open social network .)

Che sto usando come social moleskine in questo momento .)

Commenta e condividi

  • Pagina 1 di 1

Matteo Brunati

Sono un appassionato di tutto quello che ha relazione con la Rete, specie al confine tra tecnologia e società. Open Data e Linked Data sono nuovi livelli di un bene comune digitale, oggi riusabile come se fosse un Lego.
La società dei dati, anche con l’hype dei Big Data, mi affascina: ma serve maggiore riflessione condivisa.


Community Manager @ SpazioDati, su Dandelion API e Atoka.


Trento