Giorni tosti...

Pubblicato nella categoria Comunicazione

Certe dinamiche da affrontare sono complesse, quasi come poggiassimo lo sguardo su un prisma, piu’ si cerca di mettere a fuoco la cosa e piu’ ti si divide in mille fasci di luce che non ti aspettavi di trovare…

In tutto questo dipanarsi e schiarisi di idee e concetti, in questi giorni mi ritrovo abbastanza in questo post:
-> Bisogno ≠ richiesta

[…] è essenziale distinguere tra bisogno e richiesta. Spesso i clienti, ma anche in generale le persone con le quali interagiamo, ci fanno delle richieste. Esse nascono per soddisfare un bisogno.
In linea di massima, un bisogno può essere soddisfatto in modo diversi. Spesso chi “chiede” qualcosa non si rende conto che dire no alla sua richiesta non è segno di mancanza di volontà di soddisfare quel suo bisogno. A volte non si può procedere in quel modo, oppure ci sono mezzi e strade migliori che permettono di raggiungere un certo scopo più facilmente o con un effetto ancora più visibile.

Quante volte invece, ci si ferma alla richiesta pensando che sia una sorta di linea del Piave: “se non la soddisfi è perchè non vuoi aiutarmi” oppure “questo è ciò che serve per risolvere il mio problema in azienda, non altro”. Vale anche in politica, ovunque. Bisognerebbe sempre cercare di capire “cosa c’è dietro” e non soltanto “fare quello che mi chiedono”.

I grassetti sono miei.

La comunicazione e l’arte di intendersi e’ un processo sempre in evoluzione, e non si e’ mai troppo bravi o troppo preparati nel saperlo fare.

Questo puo’ essere un valido aiuto nello stilare i nostri pensieri, provero’ ad adottarlo:

-> How to get your slides noticed » SlideShare

Altro non vorrei aggiungere: seguite il mio tumblr per capire di cosa mi sto interessando in questi giorni…

Diciamo che si sta cercando di dipanare il velo attorno a FullOut, ci sara’ uno step importante a breve…

La prossima settimana…

work in progress

Commenta e condividi

Guardando la raccolta di spunti che il caro Danny ha ricominciato a fare con maggiore regolarita’ ( adesso lavora per Talis, per chi non lo sapesse ), emerge sicuramente una cosa: si stanno muovendo diverse pedine nella grande scacchiera del Semantic Web…
-> This Week’s Semantic Web

E si stanno aggiungendo sempre nuovi pezzi… ( tra cui anche Microsoft, che citavo qc giorno fa… )
E’ l’anno giusto, per verificare con mano quanto queste tecnologie ci possano semplificare la vita.

Mi mettero’ anche in prima persona, sempre piu’ a verificarlo anch’io, all’interno di FullOut, e vedremo cosa ne viene fuori.

La cosa certa e’ che sto vivendo la divisione sempre piu’ netta delle persone che vivono il flusso informativo e che seguono certe tematiche ( magari avanzate, certo ) e che ne stanno aiutando anche l’evoluzione e il completamento, mentre rimane sempre piu’ tagliato fuori il blocco di persone che sono fuori del flusso.

Vuoi per competenze, vuoi per mancanza di tempo, vuoi per tutta una serie di motivi, non ultimo il digital divide ( in questo senso, qualcosa si fara’ assieme anche agli altri due moschettieri probabilmente, con il tema m.a.n. at work… )
Con le prime che hanno una crescita esponenziale di consapevolezza, azzardo io.

Proprio per questo vorrei confrontarmi sempre piu’ sull’approccio giusto da tenere per spiegare il reale valore aggiunto del corretto uso di certi strumenti e di certe tecnologie.

Propongo una piccola sintesi di quello che ho letto recentemente, e che unisco per chiarire la potenzialita’ che abbiamo davanti…

Continua a leggere

FullOut inizia il suo percorso...

Pubblicato nella categoria Vita

Purtroppo non son proprio riuscito ad andare al GhiradaCamp, sabato son crollato dal sonno, e ieri avevo troppo da fare… oltre che finire di riprendermi .)

Pero’ qualcosa di buono almeno e’ partito…
Siamo online .)

-> FullOut: Chain of Ideas

Non mi dilunghero’ molto su cos’e’ questa cosa: abbiamo aperto un blog che cerchera’ pian piano di dipanare e chiarire il lavoro iniziato ufficialmente a fine aprile, tra dialoghi e riflessioni su molti temi, in tre teste che hanno dedicato notti e pomeriggi a portare avanti questa bellissima iniziativa.

Partiremo da un progetto Web, come azienda: e vedremo il suo evolversi nel tempo.

Il blog lo rintengo un necessario e fondamentale strumento comunicativo ed informativo: mi permette anche di adottare uno stile piu’ divulgativo e chiaro, piu’ breve e mirato, rispetto a quello che ho fatto fino adesso nel mio spazio personale.
Assieme alle problematiche di avere alle spalle pur sempre una ditta: fatta di persone certo, ma pur sempre una realta’ aziendale.
Sara’ un cambiamento per il mio stile di sempre.

Ma e’ un’ennesima occasione di crescita e di messa in gioco.
Non solo della mia faccia, stavolta.

Credo sia almeno uno dei motivi, per cui ho scritto meno qui: e’ anche vero che sto mettendo altri tasselli insieme, per strutturare dal basso la mia presenza in Rete e la volonta’ di portare avanti, a piu’ livelli, i temi a me cari, tecnologici e non solo.

La cosa bella di quest’esperienza e’ il provare a rendere nostro, totalmente, l’approccio agile del nuovo Web: il sempre e costante work in progress tipico del Web2.0, e la continua evoluzione di come presentarsi ed interagire con il mondo della Rete.

Un uso intensivo della piattaforma Office 2.0, che magari nel futuro, descrivero’ anche in chiave di utilizzo all’interno di FullOut: Basecamp, Skype, Voip vario, wiki e Mappe mentali, flessibilita’ oraria e molto altro.
Con persone che non c’entrano nulla con il Web avanzato, anzi.
Ma che hanno una mente aperta, e sono capaci di raccogliere i vantaggi di quello che viene loro mostrato.

Insomma: l’inizio di qualcosa che reputo davvero interessante.
Credo valga la pena seguirci in questa cosa, ve l’assicuro.

Oltre al fatto che sara’ un banco di prova di alcune tecniche di pubblicazione su Web tipiche del Web3.0, del Semantic Web e di quello che vedo io come futuro utilizzo consapevole e maturo del mezzo Web.
[ sul blog sono attivi diversi plugin semantici, altri ne arriveranno e verranno spiegati ed esplicitati man mano ]

Sfruttandone al massimo sempre di piu’ le funzionalita’.
E le possibilita’.

Stay tuned .)

Commenta e condividi

  • Pagina 1 di 1

Matteo Brunati

Sono un appassionato di tutto quello che ha relazione con la Rete, specie al confine tra tecnologia e società. Open Data e Linked Data sono nuovi livelli di un bene comune digitale, oggi riusabile come se fosse un Lego.
La società dei dati, anche con l’hype dei Big Data, mi affascina: ma serve maggiore riflessione condivisa.


Community Manager @ SpazioDati, su Dandelion API e Atoka.


Trento