Periodo intensissimo per gli Open Data, anche per l’ Italia finalmente.
Segnalo questo evento che ha un potenziale davvero notevole per contribuire a quel confronto ed a quella conversazione sempre più necessaria per iniziare a far capire il contesto, ed imparare tutti assieme a gestirlo al meglio. Per poi passare a quelli di dicembre in quel di Torino, ma di questi parlerò più avanti perchè non so se riuscirò ad andare.

-> Fammi Sapere - Un convegno sugli Open Data

L’evento vuol essere un momento formativo e informativo, per sensibilizzare cittadini e amministratori di enti, istituzioni e aziende pubbliche, sulle opportunità offerte da una reale apertura e diffusione telematica dei dati pubblici in possesso della Pubblica Amministrazione.

Marco Scaloni lo presenta anche così in uno dei suoi post:

Open Data vuol dire trasparenza della pubblica amministrazione, vuol dire condivisione e riutilizzo dei dati pubblici in suo possesso, vuol dire un data.gov italiano, un dati.piemonte.it marchigiano, una anagrafe Pubblica degli Eletti e Nominati senigalliese.

Il programma merita un’occhiata approfondita:
-> Programma di Fammi Sapere

Le cose da segnalare sono almeno un paio:

Grazie a Marco Scaloni ed a InfomaticaEtica e agli altri organizzatori e sponsors ( tra cui E-Xtrategy che ringrazio, dove lavora Adriano .) ) per avermi invitato: oltre ad avere una sessione un po’ giocosa introduttiva che proverà ad introdurre il tema tecnico del riuso dei dati facendo un parallelismo tra i Lego e il Web of Data, avrò l’onore di essere pure il moderatore della sessione tecnica! Ovviamente vedrò di sfruttare il lavoro iniziato anche da Spaghetti Open Data per ragionare assieme ai lego con cui possiamo e dobbiamo giocare per aumentare la trasparenza del sistema Paese e come integrarlo al meglio al datagov.it

Curioso di sentire le varie sfacettature di un tema complesso e ampio come quello degli Open Data, soprattutto da chi sono anni che si scontra contro il sistema per introdurre metadati ed ontologie a vantaggio della PA… sarà interessante proprio ascoltare Paolo di Pietro su tali faccende…
Ma anche chi ha creato Linked Open Camera, chi promuove da una vita compatibilità e aperture come Flavia Marzano e chi fa emergere i nostri cari dilemmi normativi come Ernesto Belisario
E poi è l’occasione di rivedere anche Luca Conti, sperando che si rimetta in forze in tempo eh eh

La trasparenza è un tema con cui mi sto cimentando da tempo, ed è il tema su cui sto rifondando anche Metafora. ( gennaio 2011 da tenere d’occhio, ma ci saranno news ufficiali in merito ben prima ).
Era un anno fa che scrivevo questo:
-> Trasparenza e metadati, per un nuovo contesto: il Data Web Marketing

Intanto mi conforta che proprio Marco abbia intitolato uno dei suoi post:
-> “Fammi Sapere”: la tecnologia al servizio della trasparenza

Vuol dire che a camminare lungo questa stretta e tortuosa stradina non siamo da soli…
E che forse stiamo crescendo. .)

Intanto per partecipare:

http://fammisapere2010.eventbrite.com/
http://www.facebook.com/event.php?eid=159267530770259

Commenta e condividi

Prendiamo una pagina assai utile sulle leggi italiane che vanno a toccare la Rete, in questo periodo tanto caldo e tanto complesso nel capire il valore di Internet:
-> A che punto sono le “leggi” di internet?

Mettiamo un po’ di Eretici Digitali, il supporto di Metafora nell’aumentare la trasparenza di certi temi in linea con le eresie che si stanno testimoniando, e cosa abbiamo?
-> A che punto sono le “leggi” di internet? | Apogeonline - Versione semantica modificata da Metafora

Continua a leggere

In questi mesi sto scrivendo meno frequentemente perchè sto lavorando a diverse cose dietro le quinte, e perchè, come qualcuno fa notare, divulgare va bene, ma serve anche mettere in pratica quello che si cerca di trasmettere. Per cui inizio da un mio workshop che farò, grazie ad IWA, a SMAU Milano il 23 ottobre alle 16.30:
-> Data Web Marketing: il marketing nell’era del Web evoluto
Una descrizione più corretta è presente nel blog di IWA, nel post che rilancia proprio questo intervento:

Si parla tanto di nuovo marketing, e di Web2.0, di social media e di nuove frontiere della comunicazioni tra comunità di pari, social network e simili. Le persone insomma sono sempre più consapevoli del Web sociale, ed il marketing ne sta prendendo sempre più atto, cambiando forma e natura.

Nel medesimo istante il Web come piattaforma evolve ulteriormente.

Arrivano infatti le prime forme e le prime applicazioni del Web evoluto, chiamato in diversi modi: Semantic Web, Linked Data o magari Web3.0. Un nome non dice poi molto: l’importante è capire che è possibile automatizzare molte cose che oggi sono le persone a dover fare, e che questi automatismi rendono il dialogo tra programmi, ed agenti automatici distribuiti, prima possibile e poi gestibile a livelli mai visti prima. Nel 2008 Simone Onofri ha lanciato il tema del Semarketing, come sinergia tra tecnologia innovativa e marketing: le cose sono progredite pian piano, ed oggi qualcuno nel mondo ha già iniziato a parlare di Data Web Marketing. E’ un settore da esplorare con scenari da rendere palesi, e con ruoli che necessitano di formazioni sempre più ibride e liquide.

Scopo di questo intervento è di iniziarne appunto l’esplorazione, partendo da questa riflessione: quante sono le azioni che facciamo comunemente nel mondo tradizionale che rientrano poi in azioni collegate al marketing di qualche azienda? Quanti di quei dati donati alle aziende dai singoli individui sono il racconto di quello che facciamo? In Rete forse il modo con cui l’individuo interagisce e crea dati utili al marketing stanno iniziando a seguire flussi diversi, grazie alle nuove tecnologie del Web, flussi che saranno sempre più maggiormente in mano all’individuo piuttosto che alle aziende.

Con conseguenze nuove ed inaspettate per tutte le parti in gioco.
Proviamo a squarciare un po’ di velo su quello che sta accadendo per poterci muovere in tempo.

Il tema è sul confine tra diverse discipline, e verrà trattato in modo assolutamente non tecnico. Per chi non fosse presente a SMAU, conto comunque di preparare una presentazione su tali argomenti anche in versione estesa, in modo da facilitare anche quelli non presenti.
L’obiettivo è di vedere se con una platea per lo più lontana dai temi delle evoluzioni tecnologiche del Web ( Semantic Web e Linked Data in primis ), sia possibile trasmettere gli scenari di applicazione già oggi possibili a questi livelli. In particolare su come il Web stia davvero spostando potere, ed il fine del marketing stesso, cambiandolo profondamente. Solo se ne diventiamo pienamente coscienti pero’. Il tema verrà trattato anche per quello che sta trasformando Metafora dall’interno: questo sarà proprio il terreno dove rifocalizzerà la sua dimensione, tra le altre cose. Il percorso da Metafora AD Network a Metafora, infatti, è in atto.
-> Da Metafora AD Network a Metafora

Parliamone, spunti e domande dove volete

Ho creato un evento su Facebook, se ci sono cose che si vorrebbero vedere o che debbano essere spiegate, cerchero’ di inserirle ove possibile.
-> Evento via Facebook - Data Web Marketing: il marketing nell’era del Web evoluto
C’è anche un backchannel attivo per dubbi, domande o altro, se non si ha voglia di essere loggati o si ha poco tempo, e voglia di dire la propria, anche per suggerire materiali oscuri:
-> Backchannel via Onelinr - DataWebMarketing

Ad un post successivo, quello che sto preparando al VeneziaCamp per sabato 24 ottobre…

Commenta e condividi

Matteo Brunati

Sono un appassionato di tutto quello che ha relazione con la Rete, specie al confine tra tecnologia e società. Open Data e Linked Data sono nuovi livelli di un bene comune digitale, oggi riusabile come se fosse un Lego.
La società dei dati, anche con l’hype dei Big Data, mi affascina: ma serve maggiore riflessione condivisa.


Community Manager @ SpazioDati, su Dandelion API e Atoka.


Trento