Questo e’ un post che avevo iniziato parecchio tempo fa, rimasto come draft almeno un anno per capirci…
E non e’ nemmeno l’unico: ma adesso puo’ davvero tornare utile.

Ho preso l’N800 ( l’avevo gia’ accennato qc post fa ), adesso che ho potuto: lo sto provando da qc giorno in verita’, dopo averlo dovuto flashare, sia per avere anche Skype con l’ultima versione del software, sia perche’ avevo testato le sua capacita’ di elaborazione e l’avevo piantato per bene… [ ci avevo caricato questo file OPML, con il widget desktop del RSS attivo, son matto lo so ]

Molto fa pensare in questi giorni l’uscita del nuovo Ipod Touch, e della diminuzione di prezzo dell’Iphone, nonche’ la presenza in questi mercati che stanno nascendo e crescendo del mondo Nokia ( con la famiglia n770 e n800 in particolare )…
AGGIORNAMENTO: anche Alessandro Longo parla di punti interessanti a favore dell’N800, che condivido in pieno: stamani due chiacchere con l’amico Ivan via skype, davvero notevole e perfetto il microfono integrato, eh gia’ .)

AGGIORNAMENTO2: una gran bella comparativa tra il Touch e l’N800, da non perdere…

Molti pensieri attorno all’usabilita’ di interfacce piccole e sensibili al tocco, e alla portata di tutti…
Ci faro’ un post dedicato, al nuovo modo di interagire con il virtuale, che sto vivendo anche in prima persona adesso…

Qualche pensiero piu’ o meno organizzato in questo post, con passato e futuro uniti e riavvicinati, in un caos equilibrista .)
Giusto per iniziare a dipanare il mio flusso di coscienza, e rendervi partecipi di qc pensiero…

Continua a leggere

Ritorno con citazione...

Pubblicato nella categoria Vita

Si sta lavorando su altre cose, un po’ di allestimenti vari in giro .)
Con un bel motto che regge tutto l’insieme…

All men dream: but not equally. Those who dream by night in the dusty recesses of their minds wake in the day to find that it was vanity: but the dreamers of the day are dangerous men, for they may act their dreams with open eyes, to make it possible.

Da “I sette pilastri della saggezza“, di Thomas Edward Lawrence

E qualche investimento…
Son diventato uno switcher, ho preso un Macbook nero .) ( venire dal mondo Windows, passando molti anni con Linux e vedere anche MacOsX, completa di parecchio il quadro, vi assicuro… )
Oltre anche al Nokia N800, che dovrebbe arrivare in settimana….
[ dopo i pensieri fatti in merito tempo fa, era dovuta la cosa in effetti ]

A breve una completa recensione dell’Iliad, appena aggiornato al firmware ultimo, che ha davvero risolto il problema della batteria: mitico davvero… [ Antonio, non mi sono dimenticato, vai tranquillo .) ]

Tutto questo per essere il maggiormente operativi per fare qc cosuccia che pian piano si svelera’…

work in progress .)

Commenta e condividi

Ok, faccio fatica a star dietro a tutto…
Sto provando in vari modi Exhibit e lo trovo fantastico, davvero…

Ho trovato dei limiti sotto IE7, ma penso siano dovuti a lui, piu’ che al framework :)

A parte tutto, e’ una forza usarlo: ti obbliga a pensare ad oggetti e sto cercando di capirne i limiti inserendo piu’ tipi diversi nello stesso file JSON…
Che bello forzare il sottomodello dati, figlio di RDF :)

Poi tante novita’, tutte insieme, da analizzare e vedere accuratamente:
Iphone e il successore del Nokia 770, il Nokia N800, che assieme al Neuros OSD e al nuovo AppleTV, mi fanno pensare davvero molto…

Iphone in assoluto e’ eccezionale…
Devo rifletterci un po’…

Cmq credo sia la prima versione portable di OSX, se non erro…
Ancora da approvare pero’…

This device has not been authorized as required by the rules of the Federal Communications Commission. This device is not, and may not be, offered for sale or lease, or sold or leased, until authorization is obtained.

Hanno praticamente fatto convergere tutto: wi-fi, ipod e gsm, tutto in uno…
Devo pensare, ma a pelle, e’ una nuova generazione di media hub per il prosumer: all inclusive

Leggere la trascrizione del keynote e’ incredibile…

Lo stilo che usano altri non serve. Noi useremo il dito “Works like magic”. Tecnologia Multitouch ed è brevettata oltre che accurata. La gente ride. Mostra la clickwheel, il mouse. “Su tutto questo abbiamo messo il software che non è come quello degli altri che fa schifo”. Il nostro software è Mac Os X! Sopra ci gira tutto: cocoa, multitask, le vere applicazioni. non quelle che si vedono sui telefoni mobili, animazioni.

h. 18.54 Si sincronizza con iTunes. Aspetto: poco più grande di un iPod video, lo schermo prende tutta la parte frontale, tranne la parte bassa che ha una joypad. Risoluzione a 160 dpi, tasto basso con scritto “home”, schermo da 3,5 pollici. Spessore da 11,6 millimetri, fotocamera da 2 megapixel. Sul retro c’è l’obbiettivo. Tre sensori avanzati sulla parte alta dello schermo. Accelerometro, sensore per spegnere il telefono quando si allontana dall’orecchio e un sensore per la luce.

h. 18.56 Puoi toccare la musica e sentire la musica e trovare la musica. Scopre tre iPhone e parte una demo. Si vede la gesione delle copertine in iTunes, mostra come funzionano i widget. Controlla il Mac con un cavo. Impressionante…

h. 19.01 Controlli simili a quelli dei film su iTunes. Possibilità di andare in full screen. Ora andiamo alla parte rivoluzionaria del telefono…

h. 19.03 Faremo usare i contatti come nessuno ha fatto fino ad oggi. Questa è quello che nessuno ha mai fatto.

h. 19.04 Quad band, GSM+EDGE (no UMTS nè HSDPA), Wifi, Bluetooth. Si possono generare chiamate dalle foto, dal calendario, dagli Sms. L’interfaccia ha 5 tasti (virtuali) in basso. Jobs chiama Schiller sul palco. Conferenza a tre. L’altro interlocutore è Ive. Jobs dice che deve smettere di telefonare perchè deve parlare al keynote.

h. 19.10 Nonostante l’interfaccia sia quasi tutta ad icone e le chiamate si possano fare in forma simbolica, è possibile anche chiamare con la tastiera. Interessante sistema per gli SMS. I messaggi vanno in sequenza, uno dietro l’altro, come se fosse una sessione di iChat.

h. 19.15 Interfaccia per la visione delle fotografie molto simile a quella di iPhoto. Per il controllo si usa la gestualità su schermo. Ad ogni movimento corrisponde un’azione di diverso tipo del software. Navigazione in internet: usa Safari “il miglior browser del mondo”. E c’è anche la posta elettronica e Google Maps. Connessione via Wifi.
h. 19.20 Posta push gratis da Yahoo per gli utenti di iPhone. Interfaccia posta simile a quella di Mail. La qualità grafica è impressionante. La posta si vede come sullo schermo di un normale Mac. Ora Jobs fa anche vedere che l’orientamento dello schermo è automatico, a seconda di come si tiene il telefono. Facendo un doppio “tap” si ingrandiscono le immagini delle pagine visualizzate sul display.

h. 19.27 Continua la dimostrazione delle funzioni di browsing. Elementi avanzati: pagine multiple, visione del tutto simile a quella su un PC, orientamento della pagina a scelta, orizzontale e verticale, con Google Maps si può anche localizzare la posizione del telefono in quel momento (forse con un servizio ad hoc?). Scherzo: chiama Starbucks e ordina 4000 caffè macchiati… “oops, ho sbagliato numero…”

h. 19.30 I nostri inviati: “dimostrazione incredibile, mai vista un tecnologia di questo tipo in un dispositivo portatile. Supera ogni palmare e cellulare intelligente sul mercato. Il pubblico è incredulo. Interesse ed elettricità in sala. Impazienza. Se ne venderebbero probabilmente 4000 se ci fosse un banchetto fuori dalla sala”. Il titolo Apple sale di quasi il 5%.

h. 19.35 Sul palco salgono per un saluto Eric Schmid di Google. “Abbiamo fatto il massimo per la partnership con Apple. Se ci fondessimo saremmo Applegoo, ma ciascuno può fare la sua parte restando nel suo campo”. La parola passa a Jerry Young, uno dei due fondato di Yahoo!. Parla della posta elettronica e della rilevanza che essa ha nelle strategie di Yahoo. Il cellulare di Apple sarà una grossa mano nella semplificazione dell’interfaccia e dell’utilizzo. “Crediamo molto in questa strategia”. Su iPhone arrivano anche i servizi Yahoo Go e One Search

h. 19.35 Altro siparietto con Schiller. Si fa mandare foto dalle Hawaii. Poi si passa alla comparazione con altri smarphones “Brutti e poco intelligenti”. Accessori: cuffie bluetooth e auricolari, simili a quelle degli iPod (ma con microfono). 5 ore di batteria in conversazione, 16 ore di musica. 200 brevetti e una miniaturizzazione mai vista prima. Schermo incredibile e innovativo. Suspance per il prezzo “Quanto dovremmo farlo pagare?”

h. 19.47
499$ per il modello da 4 GB, 599$ per il modello da 8GB. In Europa arriverà alla fine del 2007, negli USA a giugno del 2007, in Asia nel 2008. Ci vogliono due mesi per l’approvazione delle autorità delle telecomunicazioni.

Hanno creato un hype incredibile, e adesso ti dicono che bisogna aspettare ancora: sulla suspense se la cavano egregiamente :)

In Italia sara’ interessante come risponde il mercato: ma non e’ UMTS e il prezzo rispetto agli altri non e’ assolutamente male, mi pare… hanno intelligentemente saltato l’UMTS e sono atterrati con il Wifi…

Non e’ una mossa da poco, assolutamente…

C’e’ stile…

Cioe’, pure un sensore di prossimita’, no comment :)

The proximity sensor detects when you lift iPhone to your ear and immediately turns off the display to save power and prevent inadvertent touches until iPhone is moved away.

E come verra’ gestito il bloccatasti?
Ma con un effettino slide to unlock, bellissimo…
[andate su apple.com e vedrete… ]

Ultime note, appena finito di leggere un libro molto bello sulla ricerca e su Google,

e scorgo l’ultima notiziola:

h. 19.59 Apple cambia nome. Non più Apple Computer ma Apple Inc.

Dai computer ai media, ormai…

Il terreno dove si combatte e’ questo, definitivamente…

E ci sara’ da divertirsi

E beato Luca, che ha visto tutto dal vivo!!

Commenta e condividi

  • Pagina 1 di 1

Matteo Brunati

Sono un appassionato di tutto quello che ha relazione con la Rete, specie al confine tra tecnologia e società. Open Data e Linked Data sono nuovi livelli di un bene comune digitale, oggi riusabile come se fosse un Lego.
La società dei dati, anche con l’hype dei Big Data, mi affascina: ma serve maggiore riflessione condivisa.


Community Manager @ SpazioDati, su Dandelion API e Atoka.


Trento