E’ passato qualche giorno, ma la notizia merita una riflessione profonda.
E’ stato approvato il formato ODF 1.2, ( Open Document Format ) e quindi tutti i formati aperti e liberi legati alla suite Open Office.

OASIS members:

We are pleased to announce that Open Document Format for Office Applications (OpenDocument) Version 1.2 has been approved as an OASIS Standard[1]. The call to vote can be found at [2].

Congratulations to the members of the Open Document Format for Office Applications (OpenDocument) Technical Committee and the community of implementers, developers and users who have brought the work successfully to culmination.

A formal announcement from OASIS will be forthcoming.

Vorrei far notare che con il formato 1.2 si supportano nativamente RDF/XML e RDFa quali sintassi per i metadati documentali
La cosa nasce da un processo lungo, lunghissimo. Questa presentazione, ad esempio, è di 4 anni fa:

In italiano ne hanno parlato Punto Informatico, e quasi nessun blog ( se non contiamo anche programmazione.it ), tranne forse siamogeek.com, che ha detto giustamente:

Un’ulteriore innovazione del nuovo formato è il supporto dei metadati nel formato RDF (Resource Description Framework). ODF 1.2 utilizza RDF non solamente per referenziare risorse sul web, ma anche oggetti di altri tipi, come appuntamenti in un’agenda o un contatto della rubrica.

Peccato perchè la cosa è importante, ed avrebbe bisogno di una maggiore discussione collettiva. Ne inizio una, partendo dalla news di punto informatico, e da come finisce.

Continua a leggere

Periodo intensissimo per gli Open Data, anche per l’ Italia finalmente.
Segnalo questo evento che ha un potenziale davvero notevole per contribuire a quel confronto ed a quella conversazione sempre più necessaria per iniziare a far capire il contesto, ed imparare tutti assieme a gestirlo al meglio. Per poi passare a quelli di dicembre in quel di Torino, ma di questi parlerò più avanti perchè non so se riuscirò ad andare.

-> Fammi Sapere - Un convegno sugli Open Data

L’evento vuol essere un momento formativo e informativo, per sensibilizzare cittadini e amministratori di enti, istituzioni e aziende pubbliche, sulle opportunità offerte da una reale apertura e diffusione telematica dei dati pubblici in possesso della Pubblica Amministrazione.

Marco Scaloni lo presenta anche così in uno dei suoi post:

Open Data vuol dire trasparenza della pubblica amministrazione, vuol dire condivisione e riutilizzo dei dati pubblici in suo possesso, vuol dire un data.gov italiano, un dati.piemonte.it marchigiano, una anagrafe Pubblica degli Eletti e Nominati senigalliese.

Il programma merita un’occhiata approfondita:
-> Programma di Fammi Sapere

Le cose da segnalare sono almeno un paio:

Grazie a Marco Scaloni ed a InfomaticaEtica e agli altri organizzatori e sponsors ( tra cui E-Xtrategy che ringrazio, dove lavora Adriano .) ) per avermi invitato: oltre ad avere una sessione un po’ giocosa introduttiva che proverà ad introdurre il tema tecnico del riuso dei dati facendo un parallelismo tra i Lego e il Web of Data, avrò l’onore di essere pure il moderatore della sessione tecnica! Ovviamente vedrò di sfruttare il lavoro iniziato anche da Spaghetti Open Data per ragionare assieme ai lego con cui possiamo e dobbiamo giocare per aumentare la trasparenza del sistema Paese e come integrarlo al meglio al datagov.it

Curioso di sentire le varie sfacettature di un tema complesso e ampio come quello degli Open Data, soprattutto da chi sono anni che si scontra contro il sistema per introdurre metadati ed ontologie a vantaggio della PA… sarà interessante proprio ascoltare Paolo di Pietro su tali faccende…
Ma anche chi ha creato Linked Open Camera, chi promuove da una vita compatibilità e aperture come Flavia Marzano e chi fa emergere i nostri cari dilemmi normativi come Ernesto Belisario
E poi è l’occasione di rivedere anche Luca Conti, sperando che si rimetta in forze in tempo eh eh

La trasparenza è un tema con cui mi sto cimentando da tempo, ed è il tema su cui sto rifondando anche Metafora. ( gennaio 2011 da tenere d’occhio, ma ci saranno news ufficiali in merito ben prima ).
Era un anno fa che scrivevo questo:
-> Trasparenza e metadati, per un nuovo contesto: il Data Web Marketing

Intanto mi conforta che proprio Marco abbia intitolato uno dei suoi post:
-> “Fammi Sapere”: la tecnologia al servizio della trasparenza

Vuol dire che a camminare lungo questa stretta e tortuosa stradina non siamo da soli…
E che forse stiamo crescendo. .)

Intanto per partecipare:

http://fammisapere2010.eventbrite.com/
http://www.facebook.com/event.php?eid=159267530770259

Commenta e condividi

Periodo davvero full, tante cose da scrivere, e tante cose in corso d’opera tutte attorno al tema Open Data, ma tempo che non esiste. .)
E pure un trasloco fatto, con ancora una connessione a Internet mancante che non facilita certo la gestione ottimale della propria presenza in Rete… e vabbè.

La prossima settimana torna SMAU, che al di là delle polemiche sul fatto che non è più quella di una volta, io trovo sia un’ottima occasione di formazione e di confronto per l’ambiente imprenditoriale classico, sempre più lontano da molte delle dinamiche della Rete.
Sperando che sia presente in una fiera di questo tipo, e sia disposto ad ascoltare e a mettersi in gioco.
Male che vada ci si rivede con vecchi e nuovi amici, per capire cosa fare in futuro assieme .)
Da segnalare l’importante passo in avanti fatto dal nostro social network veneto, che diventa Partner di SMAU:

Ultimamente sono sempre più dentro al tema degli Open Data, che nel contesto italiano, sappiamo bene cosa significhi. Trasparenza governativa, innovazione tecnologica nell’usare il Web non più solo come mezzo, o come canale, ma come luogo e come abilitatore del Web of Data. In parole povere?
Un immenso database, pubblico, a disposizione delle macchine e dei programmi e dei nostri più disparati devices. Siano essi smartphones, tablet, iphone e ipad, lettori e-book e…

Continua a leggere

Matteo Brunati

Sono un appassionato di tutto quello che ha relazione con la Rete, specie al confine tra tecnologia e società. Open Data e Linked Data sono nuovi livelli di un bene comune digitale, oggi riusabile come se fosse un Lego.
La società dei dati, anche con l’hype dei Big Data, mi affascina: ma serve maggiore riflessione condivisa.


Community Manager @ SpazioDati, su Dandelion API e Atoka.


Trento