Quando l’ho cercato non avevo trovato nulla di interessante, e oggi che non lo cercavo:

bam: trovato!!

Visto che si fa tanto parlare nel libro bestseller “Codice da Vinci“ ecco un modo per vederlo con i propri occhi comodamente da casa…

Ci vuole una connessione veloce oppure molta pazienza, e Quicktime VR installato…

Basta il pacchetto QuickTime installato con le opzioni di default in ogni caso…

Il link a questo capolavoro e’ questo:

-> “L’ultima cena”

PS - Sara’ un caso, ma se oggi andate su Google, il logo guardate a chi e’ dedicato…

Commenta e condividi

Ok.. la scomunica ormai non c’e’ piu’, e’ vero…

Ma ormai questo libro e’ stato praticamente messo alla gogna…
perfino dall’arcivesvovo di Genova che ha detto:

..
Non leggete e non comprate, tanto meno, il “Codice Da Vinci”!
..

Qui l’intervista:
-> Il CODICE DA VINCI, un mosaico di errori storici e falsita’ teologiche

Ora si sa che quando si crea un caso del genere anche uno che di solito non legge viene preso dalla curiosita’ e lo legge lo stesso: quindi non e’ chiaro l’intervento del vescovo a cosa debba servire…

Va detto che a mio parere il libro e’ piaciuto, ma non va certo preso per vero…
la Chiesa comunque ne esce veramente male, almeno come immagine..

Per una visione corretta e molto completa delle FAQ riguardo al libro, ecco un’intervista a Massimo Introvigne esauriente:
-> Il Codice da Vinci: FAQ - Risposta ad alcune domande frequenti

Una tra le domande interessanti:

Ma come può un cumulo di sciocchezze avere diciassette milioni di lettori?

La questione è complessa sul piano sociologico. Rimandando a un mio libro di prossima pubblicazione una trattazione più ampia, mi limito a suggerire che incontra e mette insieme due tipi di mode molto diffuse: quella dei complotti e delle società segrete che dominerebbero il mondo, e quella di un anti-cattolicesimo sempre più manifesto e virulento.

E’ opinabile come affermazione, ma certo un fondo di verita’ c’e’…

Il problema sta nel capire la differenza tra finzione e realta’…

e in una frase nel prologo del libro: ( pagina 9 )

Tutte le descrizioni di opere d’arte e architettoniche, di documenti e rituali segreti contenute in questo romanzo rispecchiano la realta’

Curiosamente su alcune edizioni questa pagina e’ divenuta bianca…

Commenta e condividi

  • Pagina 1 di 1

Matteo Brunati

Sono un appassionato di tutto quello che ha relazione con la Rete, specie al confine tra tecnologia e società. Open Data e Linked Data sono nuovi livelli di un bene comune digitale, oggi riusabile come se fosse un Lego.
La società dei dati, anche con l’hype dei Big Data, mi affascina: ma serve maggiore riflessione condivisa.


Community Manager @ SpazioDati, su Dandelion API e Atoka.


Trento